Storia

La nascita della Cascata delle Marmore si fa risalire al 271 a.C., quando il console romano Curio Dentato ordinò la costruzione di un canale per raccogliere le acque del fiume Velino che ristagnavano nella Sabina.

L’ intervento migliorò la vita dei Sabini, ma creò disagi agli abitanti di Terni, che allora si chiamava Interamna. Si aprì quindi una lunga contesa, che terminò nel 1422 con l’apertura di un secondo canale.

Vennero poi realizzati altri due canali nel 1547 e nel 1601. Nel 1787 venne poi effettuato un nuovo intervento, che diede alla Cascata l’aspetto attuale. Nel secolo successivo, le acque della Cascata vennero utilizzate per la produzione di energia idroelettrica.

Attualmente la Cascata è a flusso controllato e viene aperta secondo alcuni orari prestabiliti, consultabili nel sito di 165m Marmore Falls, gestore dei servizi turistici nell’area della Cascata delle Marmore.